Raccolta Firme Internet ADSL : a Rionero Sannitico già 300 firme commenti

“Le emozioni non cambiano. Il modo di comunicarle, sì.” : questo lo slogan pubblicitario della società italiana Telecom Italia SpA attraverso cui viene rilanciato il messaggio d’impegno nell’ambito dell’innovazione tecnologica.

Ciò che tuttavia viene ripetutamente omesso è che alcune aree del territorio italiano e nella fattispecie gran parte dell’Alto Molise – tra cui Rionero Sannitico- nella migliore delle ipotesi sottoscrivono contratti ADSL paritari nella somma a quelli relativi a possibili 20 Mbps con l’unica differenza che il servizio offerto non l’eguaglia neppure per un ventesimo, attestandosi su uno scarso 0,8 con segnale a dir poco instabile e “sporco”.

Nella migliore delle ipotesi in quanto sussistono ancora condizioni di non raggiungibilità, intere aree isolate causa mancato cablaggio di poche centinaia di metri e non discutiamo neppure di poche abitazioni quali ville, baite o cottage, ma di interi condomini per lo più abitati da persone anziane alle quali è di fatto reso impossibile avere un recapito telefonico, con tutto ciò che ne consegue in termini di sicurezza e pronto intervento ospedaliero, causa oggettive difficoltà a comprendere il corretto funzionamento di apparati mobili.

Come se ciò non fosse sufficiente, alcuni comuni dell’Alto Sannio sono totalmente tagliati fuori da Internet non avendo centrali telefoniche predisposte al servizio ADSL, altri si barcamenano tra WiMAX ed altre soluzioni ibride quali Satellite + 56K che, di norma, vengono adottate solo in alcuni casi di estrema ed oggettiva difficoltà d’azione o per altri scopi certo non di uso domestico.

Difficoltà che non sussistono assolutamente per i suddetti comuni, alcuni dei quali addirittura già raggiunti da fibre ottiche, grazie a progetti pilota e fondi stanziati dalle regioni, ma di fatto mai allacciate materialmente alle cabine Telecom causa mancata volontà da parte della suddetta società di investire poche decine di euro.

Per quanto precede, a Rionero Sannitico si è dato il via ad una raccolta firme autonoma ed indipendente atta a voler sensibilizzare media ed enti locali facendo pressione sulla società di telecomunicazione Telecom Italia SpA affinché ci si adoperi nel più breve tempo possibile a tener fede alle promesse fatte nei continui e ripetuti spot pubblicitari, perché anche i Comuni dell’Alto Molise possano finalmente entrare nel nuovo millennio (dato che il servizio ad oggi reso risale almeno al 2001) dando la possibilità anche ad altri operatori di poter entrare nel mercato della libera concorrenza, ad oggi di fatto vietato.

In meno di una settimana, sono già state raccolte quasi 300 firme e tale cifra tenderà a salire nel corso dei prossimi giorni.

L’iniziativa è stata diffusa e comunicata anche ad altri Comuni dell’Alto Molise che hanno già manifestato il loro più vivo interesse, subendo la medesima situazione di disagio.

E’ paradossale che al tempo degli sbarchi su Marte, sussistano ancora condizioni di tale arretratezza civile e sociale.

Commenti

  1. Sulla fusione del Molise con Marche e Abruzzo ai sensi dell’art. 132 della Costituzione, è stata discussa una Mozione a mia firma nella seduta consiliare del 1 febbraio 2012, dove venni invitato a stralciare quel punto per far adottare a maggioranza la Delibera n. 13/2012 sul recepimento della legge 148/2011 ( riduzione a 20 dei consiglieri regionali, superamento delle comunità montane, avvio delle Unione dei Comuni quali enti intermedi territoriali ).