“Lo sfasamento del senso profondo della politica” secondo Sara De Marco commenti

Ricevo e pubblico una bella riflessione di Sara De Marco, candidata per il Movimento Autonomo per Como, in risposta alla mia considerazione post-voto di ieri.

 

Ciao Adelio.. non abbiamo più avuto modo di confrontarci dopo il riusltato che devo dire che è stato davvero sorprendentemente negativo in quanto a voti, decisamente più positivo se penso all’esperienza vissuta…
Volevo segnalarti un pensiero sul quale ragionavo in questi giorni e che leggendo attentamente il tuo ultimo articolo mi è balzato ancora di più all’attenzione.
Ragionavo sul fatto che la politica nazionale dovrebbe essere l’espressione generale di un ideologia portata avanti attraverso atti concreti e legislativi diretti alla popolazione. Diversamente, l’amministrazione locale dovrebbe essere la realizzazione concreta di quell’ideologia seguendo le linee guida ricevute dalla politica nazionale.
Penso che uno dei motivi che hanno portato ad una perdita di voti da parte dei partiti in generale sia sì una sfiducia nella classe politica, ma questa è stata dettata da uno sfasamento del senso profondo della politica.
Veniamo da un periodo in cui la politica non ha fatto quello che era chiamata a fare e attualmente ci ritroviamo con un Governo tecnico che a livello ideologico non sta accontentando nessuno. In tutto questo l’amministrazione non si è fatta garante del benessere civico, ma è stata spinta dalle stesse logiche che hanno spinto la politica di questi ultimi anni…
secondo questa analisi spannometrica ci ritroviamo con una situazione ribaltata rispetto a quello che dovrebbe essere: dovremmo avere politici al governo e “tecnici” all’amministrazione, mentre alla fine ci ritroviamo con una amministrazione politicizzata e un governo tecnico.
Questo secondo me ha determinato un decisivo scollamento del cittadino dall’ideologia politica… e lo abbiamo visto con il notevolissimo calo di preferenze verso i partiti storici a favore di una accurata selezione di persone che secondo il cittadino rispondevano di più al sentimento generale che stiamo vivendo di insoddisfazione e frustrazione…. ecco che i grillini e Rapinese hanno avuto la meglio. Dei grillini non mi stupisco tantissimo, ma di Rapinese si: ha quell’atteggiamento combattivo da “so tutto io” e “fateme largo” che in qualche maniera ha soddisfatto il malcontento generale… al di la di Lucini che secondo me era e resta decisamente il favorito, questa è la vittoria delle liste civiche. E le liste civiche si distanziano dalla politica nazionale ( a parte Grillo che oramai è così tanto conosciuto e apprezzato) prendendo a cuore quasi esclusivamente il funzionamento della realtà locale.
La gente, che secondo me ha capito questo meccanismo, sa che le amministrative contano fino ad un certo punto a livello nazionale, ma sa bene che queste elezioni hanno un peso fondamentale per il benessere del luogo in cui vivono… e sanno che se l’amministrazione è ben portata avanti, magari qualche tassa in meno si riesce a spuntare…

Magari ho detto tante cose inesatte, anzi è molto probabile… è una analisi da pivella della politica la mia ^____^
Speriamo che la prossima possibilità sia decisamente migliore di questa appena passata!
a presto
Sa

Commenti

  1. admin scrive:

    Ciao Sara e grazie mille per avermi concesso di pubblicare il tuo articolo.
    La tua riflessione è chiara, limpida, cristallina e credo che sia condivisibile al 100%, ciò che invece mi ha colpito maggiormente sono state le considerazione finali “Magari ho detto tante cose inesatte, anzi è molto probabile… è una analisi da pivella della politica la mia”: beh, con molta probabilità, se i politici italiani odierni tornassero ad “ascoltare” la base, oggi forse potremmo uscire da questa crisi sociale che ci attanaglia.
    Non sono un politico riconosciuto, questa era la mia prima tornata elettorale, ma se noi riuscissimo a farci sentire ed a portare le nostre riflessioni, i nostri spunti a persone degne e capaci di coglierle nel profondo, avremmo già fatto metà dell’opera.
    Ade